CONCORSO BALCONI PER ROMA

RITORNO ALL' INFANZIA

L’idea è di trasformare un ambiente “piccolo e limitato come quello di un balcone cittadino” in un ambiente da godere cercando di suscitare conforto attraverso il ricordo della spensieratezza legata all’infanzia e a quel senso di leggerezza e profondità di cui ognuno di noi ha bisogno, ma che spesso si smette di cercare/provare a causa della crescita perdendone la percezione.

L’obiettivo e’ di fornire al pubblico un modo per fuggire dai pensieri e dai problemi della vita quotidiana, riflettere e rilassarsi ricordando come si era da giovani, prima di entrare nel sistema che ci opprime. per questo, il balcone assume il ruolo di “mezzo poetico” per fuggire dai pensieri e dai problemi della vita quotidiana.
Per fare ciò si è pensato di suddividerlo in due spazi ben distinti di forma triangolare.
il primo, che rappresenta la fanciullezza, periodo di vita spensierato e felice, e’ racchiuso nella struttura lignea che richiama “la casa” e “la protezione della famiglia” ed e’ caratterizzato dalla presenza di verde e di giocattoli.
Il secondo, invece, che rappresenta la maturità, periodo in cui non si e’ più protetti dai genitori ma ci si trova soli e immersi in un mondo pieno di pericoli, problematiche e stress, risulta privo di copertura e caratterizzato da una minore presenza di oggetti e di verde.
Questi spazi sono collegati da una corda colorata che rappresenta la linea della vita. il fruitore, sedendosi, potrà seguire con lo sguardo tale linea, che lo riporterà indietro nel tempo, fino al momento della nascita facendogli ricordare le tappe più importanti vissute. queste sono individuate e scandite attraverso l’esposizione di giocattoli specifici, riconducibili alle varie età, i quali vengono abbinati a piante scelte in base al loro significato funzionale al periodo di riferimento.
La struttura sarà realizzata interamente con prodotti ecocompatibili e materiali di riciclo, in modo che chiunque possa realizzarla.
La parte coperta verrà realizzata mediante una struttura portante lignea, costituita da montanti e travetti e presenterà una pavimentazione verde e una copertura di teli di juta. sui tre lati si utilizzeranno corde con funzione sia decorativa che di sostegno dei giochi e delle piante, creando effetti differenti in ognuno di essi: sulla diagonale si creerà una vela; sul lato corto, corde tese orizzontalmente sosterranno fioriere ricavate da custodie di videocassette; sul terzo lato, infine, si creerà un reticolo a maglia quadrata dove saranno appesi i giocattoli uniti alle piante. sul lato corto, inoltre, prevediamo un contenitore ligneo di base trapezoidale, destinato ad ospitare i bidoni della raccolta differenziata.
L’altra parte del balcone, scoperta, sarà caratterizzata da una pavimentazione di ciottoli bianchi da giardino inquadrati da travetti lignei posati a terra. l’unico complemento d’arredo presente in questa parte sarà rappresentato da una seduta, ricavata da uno pneumatico tagliato a metà, destinato ad accogliere il fruitore.

Progettisti: Arch. Manuel Laporini, Arch. Christian Berni

Committente: Festival del Verde e del Paesaggio

Luogo e data: Italy Roma (RM), Marzo 2014

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze . Puoi leggere l'informativa decidere se negare consenso a tutti o ad alcuni cookie Informativa Privacy Policy.

O accettarne l'utilizzo